L’evoluzione verso la sostenibilità: le lastre e le suole in E.V.A. della nostra azienda

L’edizione di Lineapelle appena conclusa è stata un’opportunità unica per presentare le nostre ultime innovazioni nel campo delle lastre e delle suole in E.V.A. al fianco dei nostri classici articoli e materiali speciali.

Durante la fiera, abbiamo avuto l’opportunità di presentare i nostri prodotti e di condividere con voi la nostra missione: creare prodotti di alta qualità che siano anche sostenibili e rispettosi dell’ambiente.

Una delle caratteristiche principali delle nostre lastre e suole in E.V.A. della linea N. Side è che sono ottenute utilizzando fonti rinnovabili per la produzione dei materiali e che siamo in grado di riciclare il 65% degli scarti di produzione, riducendo al minimo il nostro impatto ambientale.

La sostenibilità è al centro della filosofia della linea Natural Side. Con questo progetto ci siamo impegnati a creare prodotti che siano rispettosi dell’ambiente, senza compromettere la qualità e le prestazioni. Ci rendiamo conto dell’importanza della sostenibilità per i nostri clienti, e sappiamo che sempre più consumatori sono alla ricerca di prodotti e marchi che abbiano un impatto positivo sull’ambiente.

Ci fa piacere vedere che molti dei visitatori del nostro stand alla fiera Lineapelle 02/2023 hanno apprezzato la nostra missione e la qualità dei nostri prodotti G.Side®, BioBased™ e BLOOM®. Continueremo a lavorare per migliorare la sostenibilità dei nostri prodotti e per rimanere all’avanguardia del settore delle lastre e suole in E.V.A.

L’evoluzione verso la sostenibilità: le lastre e le suole in E.V.A. della nostra azienda, Selasti

Ringraziamo ancora una volta tutti coloro che ci hanno visitato alla fiera Lineapelle. Il vostro supporto e interesse sono una grande motivazione per noi, e ci spingono a migliorare sempre di più.

Categorie

Lineapelle Winter 24-25

Durante l’edizione di Lineapelle che si è appena conclusa, abbiamo presentato il nuovo prodotto Sprint, dimostrando ancora una volta l’impegno per l’innovazione nel settore delle

Leggi »